App per spiare: Flexispy, MobiStealth e mSpy messi a confronto

app per spiare

Se hai deciso di cominciare ad informarti sulle app per spiare smartphone, di sicuro sai già di avere alcune opzioni a disposizione. Nello specifico, sul mercato trovi delle soluzioni di grande spessore come Flexispy, MobiStealth o mSpy.

Di contro, essendo comunque delle app a pagamento, vorresti poter capire quale di queste va meglio incontro alle tue esigenze di utente.

In via teorica dovresti provarle tutte, per poter individuare quella che rispecchia più di tutte le tue aspettative. Eppure potresti non averne voglia, o non voler spendere a caso i tuoi soldi. Ecco perché l’unica soluzione è mettere a confronto queste app e capire quali sono le loro funzioni più interessanti.

Una premessa sulle App spia per cellulari

Prima di procedere con il confronto, è bene che tu sappia quali sono le principali caratteristiche in comune. Naturalmente si parte dal funzionamento, dato che queste app prevedono gli stessi elementi. In pratica, i software spia per smartphone di questo tipo funzionano così: devono essere fisicamente installati sul cellulare da spiare, e quest’ultimo dev’essere stato sbloccato con l’operazione di jailbreak.

Poi, sarà possibile controllarli e spiare il dispositivo agendo da remoto. Esistono delle alternative che non prevedono il jailbreak  [anchor link articolo n.1], e che ti consigliamo di approfondire leggendo la nostra guida.

Flexispy, MobiStealth  mSpy a confronto

Un confronto fra queste tre app non può fare a meno di una ulteriore premessa: le opzioni sbloccabili sui software spia dipendono sempre dal tipo di pacchetto che scegli di acquistare.

Alcune di queste funzioni, difatti, possono essere usate solo acquistando un abbonamento Premium (dunque pagando più soldi). Detto questo, è il caso di procedere ad un confronto partendo da una lista delle funzionalità più interessanti.

  • Modalità stealth – La modalità stealth consiste nell’attivazione dell’app in background e in modalità fantasma. Questo la rende non reperibile da parte dell’utente che usa il dispositivo spiato. Tutte e tre le app posseggono questa caratteristica, ovviamente fondamentale per un corretto utilizzo del software.

 

  • Registrazione delle chiamate – La registrazione delle chiamate (Call recording) rappresenta senza ombra di dubbio una delle opzioni più utili dei software spia. Si tratta anche di una delle più rare: le uniche app che ti mettono a disposizione questa funzione sono MobiStealth e Flexispy. Purtroppo, mSpy risulta essere sprovvisto di opzione per il Call recording. Da aggiungere anche che Flexispy accusa qualche problema tecnico in sede di registrazione delle chiamate: dunque l’opzione migliore del momento risulta essere sicuramente MobiStealth. Lo stesso discorso può essere fatto per il Surround rec.

 

  • Registro chiamate – Questa è una delle opzioni più semplici, non a caso presente in tutti i pacchetti base. In sintesi, ti permette di accedere da remoto al registro chiamate del dispositivo spiato. Da questo punto di vista, c’è ben poco da aggiungere: sia Flexispy, sia MobiStealth, sia mSpy ti mettono a disposizione questa utilissima funzionalità.

 

  • Messaggi di testo – Idem come sopra: tutti e tre i software spia per smartphone ti permettono di visualizzare tutti i messaggi di testo (SMS) inviati o ricevuti dal device che hai deciso di spiare.

 

  • Controllo contatti – Anche in questo caso, le tre app in elenco vantano questa opzione. Trattandosi di una funzionalità basica, è assolutamente normale che sia così. In pratica, ti consentono di controllare l’elenco dei contatti di quel cellulare.

 

  • Controllo email e Gmail – Questa funzione ti permette di monitorare anche le email inviate e ricevute dallo smartphone spiato. La funzionalità è presente in tutti e tre i software spia: di contro, MobiStealth non ti dà la possibilità di monitorare le email su Gmail. Gli altri due, invece, sì.

 

  • Cronologia web browser – Un’altra funzione utilissima, anche qui presente su tutti e tre i programmi di spionaggio. Nella pratica, ti permette di controllare la cronologia di navigazione di quella persona su Internet, tramite il browser.

 

  • GPS Tracking e Geo Scherma – Un buon software spia non potrebbe mai fare a meno di offrirti una opzione di GPS Tracking. E infatti Flexispy, MobiStealth e mSpy ti offrono tutti e tre questa funzione. Per quanto concerne il Geo Scherma, invece, il suddetto è presente solo su Flexispy.

 

  • Controllo app di messaggistica istantanea – Sicuramente una delle funzionalità migliori di questi programmi: ovvero la possibilità di controllare i messaggi inviati e ricevuti attraverso le app di messaggistica istantanea. Tutti e tre i software spia sono compatibili con il monitoring di WhatsApp, Viber, Skype, iMessage e BB Messenger.

 

  • Controllo account social – Le applicazioni per spiare i cellulari posseggono anche delle funzioni per monitorare gli account sui social network. Questo è possibile sia per Facebook che per Twitter: purtroppo, però, MobiStealth non te lo consente. Flexispy e mSpy invece ti mettono a disposizione questa opportunità.

 

  • Vista app, blocco app e blocco telefono – Anche queste tre sono delle opzioni davvero fantastiche, e sono fra l’altro disponibili su tutti e tre i software in elenco. Da questo punto di vista, dunque, nessuno dei tre manca all’appello.

 

  • Camera stealth, pulizia del cellulare e controllo via web – Chiudiamo questo confronto con altre tre opzioni davvero utili, che appartengono sia a mSpy che a Flexispy. Purtroppo sono invece assenti in MobiStealth.

 

  • Jailbreak obbligatorio – Prima di procedere, vale la pena ricordarti una cosa: sia mSpy che MobiStealth presentano delle versioni utilizzabili anche senza jailbreak. Ovviamente sono più limitate e funzionano in modo totalmente diverso, ma rappresentano comunque un’opzione alternativa interessante. Al contrario, Flexispy non possiede alcuna versione di questo tipo.

Un approfondimento su tutte e tre le app spia

In base a quanto visto poco sopra, è già possibile farsi un’idea abbastanza solida sulle potenzialità di mSpy, MobiStealth e Flexispy. Comunque non basta questo per capire esattamente quale software spia per smartphone potrebbe fare al caso tuo.

Questo perché entrano in ballo altri aspetti, come ad esempio il budget. Di conseguenza, è bene fare un approfondimento su ognuno di questi tre programmi.

  1. MobiStealth

Si parte da MobiStealth, forse non la migliore del terzetto ma di sicuro una delle più sorprendenti. Questo perché si tratta di una validissima alternativa low cost a mSpy e a Flexispy. I suoi prezzi altamente concorrenziali la rendono perfetta per chi desidera risparmiare, anche se ovviamente le funzioni presenti non sono al livello delle altre due app. Nonostante tutto, però, MobiStealth compie un importante passo in avanti grazie alla presenza della funzione di Call recording. Questo, unito al fatto che si tratta di una app molto economica, la rende una alternativa da non sottovalutare.

  1. mSpy

Anche mSpy merita un piccolo approfondimento. Le sue caratteristiche le hai potute già studiare nella sezione dedicata al confronto, però va aggiunta una cosa: è vero che non ti permette di registrare le chiamate, ma è altrettanto vero che si tratta di una delle app più funzionali in assoluto. Non a caso mSpy è anche il software per spiare gli smartphone più scaricato in assoluto. Inoltre ti mette a disposizione una versione per device no jailbroken davvero funzionale e agile. Chiaramente, come ti abbiamo detto prima, si tratta di una versione molto limitata rispetto a quella per i device con jailbreak.

  1. Flexispy

Flexispy è una app particolare, per la quale vanno fatte due precisazioni. Innanzitutto si tratta del software spia più costoso in assoluto, ma anche uno di quelli che presenta le funzioni più interessanti. Va poi detto che, però, in alcune circostanze ha sofferto alcuni malfunzionamenti che hanno spinto gli utenti ad una particolare diffidenza nei suoi confronti. Rispetto allo scorso anno, oggi l’app sembra aver ripreso il controllo e aver risolto diversi bug piuttosto fastidiosi. Va però ricordato che il costo è molto alto, e che probabilmente è possibile “accontentarsi” acquistando una delle altre due app in elenco.

Conclusioni: qual è l’app migliore per il mobile spying?

Oggi ti abbiamo mostrato un confronto diretto fra Flexispy, MobiStealth e mSpy. A questo punto dovresti aver già capito quali sono i punti di forza di ognuna di queste app per spiare i cellulari.

È impossibile stabilire a priori un vincitore: mSpy è probabilmente quella più affidabile, MobiStealth è la più economica, mentre Flexispy è teoricamente quella più avanzata. Diciamo che, per scegliere la migliore, dovrai farti qualche domanda.

In primis dovrai chiederti quali sono le tue esigenze in termini di monitoraggio degli smartphone. Nel farlo, dovrai anche considerare il budget che sei intenzionato a spendere per l’abbonamento ad una di queste applicazioni.

Anche il modello di smartphone è importante, perché non è detto che le ultime versioni possano funzionare su tutti i cellulari. Vogliamo comunque chiudere questa guida con un personalissimo consiglio: al momento conviene buttarsi su mSpy, ma tenendo d’occhio MobiStealth, dato che viene continuamente aggiornata.

Sex cam: quali pro e contro? La parola agli esperti

sex cam

L’avvento di Internet e la digitalizzazione ha definitivamente rivoluzionato lo stile di vita di ogni essere vivente: i comportamenti, le abitudini di milioni di persone, il modo di relazionarsi e di fare sesso sono stati rivoluzionati dall’introduzione delle tecnologie digitali tra le quali lutilizzo delle sex cam.

Navigare sulla Rete Internet è all’ordine del giorno: ivi è possibile fare nuovi incontri, chattare, darsi appuntamenti “telematici” e fare anche del buon sesso, tutto rigorosamente via web cam. Non è difficile visitare i numerosi siti vietati ai minorenni che danno la possibilità di incontrare e di conoscere ragazze nei siti di sex cam ( qui un lungo e comprensivo elenco ).

Il fenomeno del sesso praticato tramite cam è assolutamente un fenomeno che. negli ultimissimi tempi, sta prendendo sempre più piede e sta interessando sempre più cyber user di varie generazioni.

Le sex cam con belle ragazze che si rendono disponibili ad appagare un desiderio carnale e, tramite servizio digitale “a pagamento”, ha stimolato un filone di studi di matrice psico-comportamentale da parte di ricercatori e professionisti in ambito clinico.

La domanda a cui i ricercatori e gli psicoanalisti vogliono rispondere è “Chi è il profilo dell’utente che naviga nei siti di dating online e di cyber sex a pagamento? Quali sono i rischi che derivano dal praticare sesso virtuale?” Le risposte potrebbero apparire semplici e scontate, in effetti nascondono veri e propri studi e ricerche cliniche le cui risultanze portano a convalidare determinati risultati.

Questa guida si propone di capire che cos’è il sesso virtuale praticato via cam, qual è il profilo psico-comportamentale della persona che utilizza il canale telematico per praticare sesso via cam e quali potrebbero essere i vantaggi ed i rischi derivanti da un’eventuale dipendenza.

Sesso virtuale, il futuro è già realtà: cosa dicono gli psicoanalisti?

Si parla di sesso via cam o cyber sex per indicare il fenomeno sociale che sta sempre più interessando numerosi bacini di user che si connettono alla Rete Internet per chattare, per fare incontri online e per praticare sesso virtuale via webcam.

Non solo giovani, ma pure i cinquantenni e sessantenni ammettono di utilizzare il canale telematico per accedere al mondo del “proibito” e per provare nuove emozioni stimolanti.

L’uomo del Terzo millennio, secondo recenti ricerche svolte dai telemedici e dagli psicoanalisti, non potrà fare a meno di Internet e non potrà rinunciare ai momenti di orgasmo sessuale provati via cam.

Una predizione piuttosto sconvolgente per chi ama il rapporto carnale tradizionale, fisico e genuino; eppure fare sesso virtuale ha i suoi vantaggi, afferma la Dottoressa Raffaella Longo, tecnica di riabilitazione psichiatrica a Roma.

La stessa esperta ritiene che il sesso virtuale sia una sorta di terapia che aiuta ogni organismo umano a provare intensi e piacevoli sentimenti di fuga dalla realtà concreta sempre più opprimente e grigia.

Grazie al cyber sex, sostiene la Longo, vi è la possibilità di superare i problemi della vita vera e per molti aspetti è vantaggioso poiché anonimo, accessibile ed economico.

Navigando ed accedendo ai siti dedicati al dating online e agli incontri virtuali per praticare il sesso via webcam è possibile dare sfogo alla propria creatività sessuale, mettendo in atto tutto quanto la psiche umana elabora a livello di subconscio.

Si tratta di un “atto disinibitorio” che aiuta a scoprire la propria personalità a “guarire” anche da stati di depressione o da patologie comportamentali come il bipolarismo.

Le Sex cam: aiutano il rapporto di coppia?

Esperti psicologi ed andrologi sarebbero concordi con il ritenere che il costruirsi una vita intima virtuale e praticare cybersex mediante sex cam e webcam aiuterebbe le coppie a praticare più attività sessuale reale “al fine di aumentare le proprie fantasie erotiche e rinsaldare il rapporto di coppia” sostiene il Dottor Aldo Franco De Rose, Medico specializzato in Andrologia.

Non della stessa opinione positiva è lo psicoterapeuta Vincenzo Chiriaco, il quale mette subito in evidenza le conseguenze patologiche quando il cybersex “diventa l’unico modo per ottenere e raggiungere una gratificazione sessuale”.

Secondo lo stesso il rischio di abusare del sesso virtuale “potrebbe condurre all’insorgenza di disturbi sessuali quali deficit erettili, anorgasmia e vera e propria incapacità ad eccitarsi con un partner in carne ed ossa”, sottolinea Chiriaco.

Chi pratica cybersex?

Molti studi di psicologia comportamentale sono stati svolti dai più autorevoli ricercatori per tracciare il profilo di colui che ricorre alla pratica del sesso virtuale via cam. Gli studi e ricerche condotte in merito mettono in evidenza il fatto che coloro che praticano il cybersex difficilmente sono propensi a parlarne apertamente.

La sessuologa Valentina Cosmi sostiene che chi è alla ricerca del sesso virtuale è spesso un uomo, eterosessuale con un’età anagrafica che varia dai 33 ai 55 anni ed è coniugato.

Infatti, la maggior parte degli uomini che pratica il sesso virtuale sarebbe coniugato con figli (60%), separato (13%) e single (10%).

Quando si connette il “malato” di cybersex? Secondo la stessa Dottoressa Cosmi, colui che pratica sesso via webcam sarebbe maggiormente propenso a connettersi dal monitor dell’ufficio durante le ore lavorative, ma i file di interesse verrebbero scaricati a domicilio durante la notte per agire indisturbati.

Solo il 33% degli uomini che praticano il sesso virtuale sfocerebbe in incontro reale ed appuntamento “fisico” con la ragazza conosciuta sul web.

Quali sono i rischi reali per chi pratica cybersex?

Secondo la maggior parte delle ricerche condotte dagli psicoterapeutici, chi pratica il sesso virtuale sarebbe, a lungo andare, maggiormente a rischio di diventare un soggetto “malato” ed affetto da disturbi gravissimi a livello di personalità.

I sessuologi ritengono che fare sesso virtuale non è semplicemente un modo per ritrovare il piacere con la masturbazione, ma rischia di estraniare il soggetto dalla realtà concreta, con effetti negativi sulla vita familiare, sociale e professionale.

Autoisolamento ed ossessione sono i rischi reali di chi è affetto dalla dipendenza dal cybersex: in molti casi, addirittura, si è assistito a casi di vero e proprio stalking e di femminicidio nei confronti delle donne conosciute in Rete.

Non solo, in altri casi si sono verificati casi di ricatto vero e proprio ai danni di chi, non potendo più pagare i “servizi di sesso via cam”, si è suicidato non potendo sopportare il peso della vergogna.

Cybersex e ragazze in cam: tutto quello che c’è da sapere

ragazze in cam

Il fenomeno del sesso virtuale non è solo una moda ma rappresenta un vero e proprio cambiamento epocale a seguito della digitalizzazione e della rivoluzione telematica che sta profondamente impattando sulla vita e sulla psiche umana.

Non si può negare che stiamo vivendo in un’era in cui tutte le tecnologie informatiche dematerializzano la realtà ed ogni cosa o azione quotidiana, compresa la genuina e fisiologica abitudine di fare sesso.

Si può considerare il Cybersex come una forma di sesso tantrico? Cosa richiedono gli uomini alle ragazze nei siti di sex cam?

Questo articolo di propone di capire se il sesso virtuale effettivamente sarà destinato a “sostituire” definitivamente quello reale e, grazie ad una serie di testimonianze concrete di sexy camgirl, cerchiamo di comprendere quale sia il profilo del soggetto “dipendente” dal cybersex.

Le ragazze in cam sostituiranno quele reali?

Il fenomeno del cybersex e della proliferazione di siti a pagamento con ragazze che si offrono di fare sesso via webcam non ha implicazioni solo di natura sociologica, ma soprattutto dal punto di vista psicologico e comportamentale.

Il neologismo “cybersex” è stato coniato recentemente alla luce dello sviluppo ed introduzione di nuove tecnologie informatiche: si tratta di un termine che include una gamma molto ampia di fenomeni, dai giochi erotici con ragazze via cam o via chat ai siti pornografici.

Se fino a qualche tempo i film porno e gli spogliarelli o la lap dance erano le prime forme di sesso virtuale, oggi con l’avvento dell’era di Internet l’erotismo virtuale sta seriamente minacciando la possibilità di soppiantare le forme tradizionali di fare sesso carnale.

Il coinvolgimento della psiche umana nel praticare sesso via webcam con ragazze che si esibiscono nude e si prestano a giochi erotici e a pagamento ha un impatto maggiore sull’appagamento sessuale rispetto alla mera contemplazione passiva delle immagini erotiche che si possono visionare dalle scene di un film hard.

Fare sesso virtuale non è come guardare un normale film porno: secondo gli autorevoli studi psicologici colui che pratica cybersex via webcam prova lo stesso orgasmo e le stesse sensazioni di colui che pratica sesso reale.

Gli andrologi hanno convalidato la tesi che il cervello produce ugualmente l’endorfina responsabile della sensazione di benessere che si prova durante il coito con una donna.

Vi è un’illusione emotiva che fa perdere la percezione del reale e del concreto: il soggetto sembra che pratichi sesso “vero” con le ragazze in webcam, si perde la percezione tra reale e virtuale.

Durante la trasmissione delle immagini digitali via cam, l’uomo riesce ad appagare il suo benessere fisiologico e a soddisfare la sua libido e le fantasie proibite. La realtà virtuale aiuta a sostituire definitivamente il rapporto carnale: ecco la tesi a cui i vari studiosi e ricercatori esperti in psicologia clinica sarebbero pervenuti.

È giusto pervenire ad una simile conclusione? Il cybersesso potrebbe essere considerata come una pratica fisiologica e psicologica parificabile all’atto della “masturbazione” perché basata sull’auto-stimolazione degli organi sessuali e sull’auto-piacere con ragazze in webcam o in chat.

Molti ricercatori ed esperti psicoterapeuti ritengono che la psiche umana e l’organismo umano raggiungano lo stesso stato di benessere psico-fisico in seguito ad un rapporto fisico e carnale.

In buona sostanza, il cybersex agisce sulla psiche, in particolare sull’ipofisi che produce l’endorfina e consente di sviluppare e stimolare la fantasia erotica appagando l’inconscio e la libido.

Dunque, il sesso virtuale è concepibile per la maggior parte degli esperti ad una vera e propria “avventura tantrica indimenticabile, in cui le fantasie erotiche sono completamente soddisfatte ed appagate come se si stesse penetrando una donna”.

Attraverso il sesso virtuale praticato con sexy camgirls possiamo arrivare a comprendere che siamo noi stessi la fonte di energia e di carica sessuale” afferma Ivo Quartiroli, autore del libro “The Digitally Divided Self: abbandonare la nostra consapevolezza su Internet”.

Ai livelli tantrici più profondi, quindi, non ci sono più io, tu o l’attrazione tra di noi. Tutti sono collegati in un’unità globale (o in un’orgia cosmica)”, commenta l’autore “Attraverso incontri di cybersex con sexy ragazze “giocattolo erotico” possiamo avvicinarci ad un atteggiamento tantrico mediante il quale proviamo la pura energia e carica sessuale”.

La psiche umana di chi pratica sesso virtuale sarebbe in grado di costruire delle “mappe mentali” in grado di portare ogni individuo ad optare per quella ragazza via cam rispetto ad un’altra.

Chi sono le sexy camgirl che praticano sesso virtuale?

Per praticare sesso “gli uomini non devono per forza penetrare una donna per sentirsi appagati, le ragazze che si spogliano a pagamento di fronte a una webcam sono in grado di appagare pienamente le fantasie sessuali e proibiti degli uomini”, è quanto spiega una camgirl che per mantenersi gli studi universitari arrotonda facendo questo lavoro.

Facevo l’impiegata ed il mio stipendio non mi bastava più così ho deciso di creare una professione parallela, quella della sexy camgirl, sono un personaggio, faccio degli spettacoli, non esisto. E non illudo nessuno. Ecco perché alcuni clienti mi preferiscono alla fidanzata reale”, commenta un’altra ragazza che racconta la sua esperienza come “oggetto erotico del cybersex”.

Ogni ragazza che fa questa professione di sexy camgirl agisce d’impulso, non ha reazioni ed emozioni, esegue e basta come se fosse un robot, la donna che presta il servizio di sesso virtuale a pagamento non ha pretese” sostiene una giovane ragazza ventisettenne che da anni svolge questa professione.

Per fare cybersex bisogna usare la psicologia. Il salto di qualità l’ho fatto quando ho cominciato a usare il cervello. Bisogna essere perspicaci e capire quale il punto dove l’utente vuole arrivare” continua la giovane “Lui sta dall’altra parte e io gli chiedo di dimostrare quanto sia disposto a fare per me, quanto valgo secondo lui e quanto è disposto a pagare a mia esibizione e prestazione sessuale via webcam”.

Sul punto sarebbe intervenuto il pronunciamento della Corte di Cassazione secondo cui le prestazioni sessuali via webcam sarebbe da configurarsi come “reato di sfruttamento della prostituzione a carico di coloro che abbiano reclutato gli esecutori delle prestazioni o ne abbiano consentito lo svolgimento creando i necessari collegamenti via internet o ne abbiano tratto guadagno“, conclude la sentenza penale.

Chi sono i “clienti” delle sexy camgirl? I profili di chi richiede di praticare sesso virtuale sono i più diversi, sia per quel che riguarda l’età sia per le loro perversioni.

Da una testimonianza di una giovanissima ragazza che pratica questa professione sembrerebbe che non è possibile standardizzare il profilo psico-comportamentale di colui che è disposto a pagare per fare sesso via webcam.

Si possono presentare uomini-nonni “pervertiti” a studenti alle prime armi, impacciati ed in cerca di nuove emozioni, altri sono padri di famiglia con una vita dignitosa e decorosa che ricercano il “proibito” praticando il sesso virtuale a pagamento.

 

Come allungare il pene? ecco come ho fatto io

come allungare il pene

Oggi vogliamo parlarvi di  uno dei problemi maggiori che hanno gli uomini e cioè la dimensione del loro pene e della domanda che spesso ci facciamo noi maschietti e cioè come allungare il pene.

Nessuno di noi è mai soddisfatto (tranne nel caso in cui sia super dotato) di quanto madre natura ci ha dato perla nostra riproduzione e piacere.

Io stesso sono stato in cerca di un prodotto per allungare il pene e sia in farmacia dove mi sono stati proposti degli integratori per bocca ma io non voglio assumere nulla per via sistemica che online quindi cercavo una crema o qualcosa di simile.

Appunto su internet si provano tantissimi prodotti per l’allungamento de pene e non è affatto facile scegliere quello che funziona e che potrebbe fare per noi. Io ho trovato un utile classifica che si focalizza proprio su come allungare il pene con prodotti topici qui trovate la pagina.

Tra i diversi prodotti che ho testato personalmente c’e’ anche la Titan Cream molto pubblicizzato online e nei forum dove si discute di come allungare il pene.

Come allungare il pene con i prodotti che ho provato

Tra i diversi prodotti che ho testato su di me per allungare il pene ce ne sono alcuni che voglio segnalarvi: il primo è titan cream, l’ho ordinato  e mi è arrivato il pacco completamente anonimo con il corriere dopo un paio di giorni. Mi sono detto vabè le ho provate tutte adesso manca quello più famoso.

I gel di Titan si presenta semi trasparente e di facile applicazione soprattutto perchè non sgocciola e non lascia residui visibili ne odori particolari che il partner potrebbe sentire e fare domande imbarazzanti.

Nei rapporti che ho avuto non ci sono stati problemi anche se lo avevo applicato poche ore prima.

Passiamo ai dati più importanti che riguardano gli effetti che ho avuto con l’applicazione quotidiana per un mese del prodotto (la casa dice che in un mese si dovrebbero già vedere dei risulati).

Bhe io posso affermare che su di me in effetti ho visto un ingrandimento e allungamento del pene di circa 1.5 cm che mi sembra un ottima cosa visto che precedentemente non ho avuto nessun risultato o qualcosina ma non apprezzabile ( qui trovate una risorsa in inglese).

Nessun tipo di irritazione o altro anche se tenete conto che la mia applicazione quotidiana di Titan Cream avviene la mattina dopo la doccia e quando rientro prima di dormire lo lavo via con un altra doccia quindi resta sul pene circa 10 ore.

Sicuramente il prodotto non costa poco ed ha un metodo originale in cui viene venduto. Praticamente lasciate i vostri dati e vi contattano per la spedizione e il pagamento… io ho fatto tutta la procedura senza alcun problema. Il punto è sempre lo stesso con qualsiasi prodotto ..ne vale la pena? per me certamente visto che in un solo mese ho avuto dei risultati tangibili.

Vi consiglio di dare uno sguardo al prodotto valutando se puo’ fare per voi o meno.

Altro prodotto ad uso topico che ho comprato online è la Crema MaxSize che si presenta in un tubo bianco e blu con consistenza media e assorbimento anche in questo caso molto veloce senza residui.

Al momento la sto provando a circa due settimane e quindi non posso esprimermi a pieno ma l’effetto che ho dopo averla usata è positivo ma non posso dire lo stesso per le dimensioni in quanto è passato poco tempo. Il produttore dice che è composta tutta da ingredienti naturali cosa sempre interessante e che rassicura per eventuali reazioni allergiche sulla pelle del pene.

 

Siti di incontri extraconiugali la mia verità

siti di incontri extraconiugali la mia verita

Dopo aver vissuto con la stessa donna per circa 20 anni ho iniziato a sentire il desiderio di esplorare nuovi orizzonti femminili prima che la mia mascolinità appassisse totalmente o almeno in parte e non sapendo in realtà da dovi iniziare ho chiesto consiglio al classico amico di sempre gran conquistatore che non si capiva mai da dove tirasse fuori tutte le sue amanti.

Be il tipo complice anche una pio di bicchieri di vino rosso mi ha raccontato una sera che lui trovata le sue donne per incontri occasionali nei siti di incontri extraconiugali.

Io sinceramente non sapevo neanche esistessero siti del genere (ho 53 anni non 80 comunque) e mi sono fatto spiegare isiti di incontri extraconiugali come funzionano quanto costano e mi sono fatto ovviamente dare diversi consigli operativi su come lui gestiva poi i menage nella vita reale essendo ampiamente sposato da tempo.

Mi ha dato un link che vi segnalo dove ci sono diversi consigli da gente più esperta di me e comprensiva lista di siti per incontri extraconiugali.

Per quanto riguarda me ho iniziato ad iscrivermi timidamente al primo connettendomi dal mio notebook nelle pause di lavoro per non passare dalla rete aziendale in quanto si sarebbero accorti di cosa andavo a guardare e avrei fatto la mai magra figura (sono un tipo abbastanza rispettato) cmq vendo deciso di tradire mia moglie in un sito del genere mi ci sono messo di impegno em i sono iscritto ho creato un email apposita per ho preso una carta di credito ricaricabile per eventuale abbonamento etc (Che poi in effetti è servita).

Fatto questo mi si è parato d’avanti un bel numero di profili femminili della mai zona io ho invece evitato e ho impostato una città vicina in quanto voglio campare tranquillo e ho iniziato a inviare messaggi che a dire il vero non sempre ma a volte sono stati contraccambiati.

Ho incontrato alla fine in circa una paio di settimane un altra donna sposata e ho finalmente realizzato il tradimento che da tempo progettavo nei minimi dettagli.

Come è stato tradire mia moglie con un sito di incontri extraconiugali?

bhe direi che è andata bene….certamente andare in un albergo ad ore non è il massimo per una persona della mai età ma non potendo fare altrimenti ci siamo comunque goduti quei momenti e penso che li ripeteremo spero presto.

Chiaro che per avere una certa intimità e quindi godere di pi del rapporto con una persona che non si conosce affatto ci vuole tempo e i miei incontri infatti non si fermano normalmente ad uno solo ma si protraggono nel tempo in quanto anche la qualità a letto ne risente eccome ma in meglio!

Buona fortuna a tutti!

Miglior Hosting WordPress

miglior hosting wordpdress

Hai deciso di invadere la rete con un tuo sito web professionale o con un blog, e vorresti utilizzare il noto CMS WordPress per gestirne i contenuti? Allora dovrai necessariamente reperire il miglior hosting WordPress: solo in questo modo potrai contare su un servizio di hosting ottimizzato per questo CMS, dunque in grado di garantirti una gestione ottimale del tuo sito web lato server.

La scelta dell’hosting, infatti, è un passaggio che non potrai permetterti di fallire: da questo servizio dipenderanno la velocità di caricamento delle pagine del tuo sito e le sue performances, dunque – di riflesso – anche l’affidabilità del tuo brand e l’affezione degli utenti nei tuoi confronti. Oggi vedremo quindi come scegliere il miglior hosting WordPress, e quali sono i fattori chiave che dovrai sempre tenere in considerazione.

Miglior Hosting WordPress: come sceglierlo?

Fra i diversi fattori che influenzano la qualità del servizio offerto da un hosting ottimizzato per WordPress, troviamo innanzitutto il prezzo. Devi infatti ricordarti che – come spesso accade in questi casi – tu pagherai una cifra e riceverai in cambio un servizio idoneo alla cifra spesa: in altre parole, nessuno ti regalerà mai nulla.

Questo significa che scegliendo un hosting WordPress economico, sai già che non potrai mai aspettarti performance di livello, uptime garantiti al 100% e ovviamente un’assistenza tecnica sempre pronta a soccorrerti al meglio, alla prima difficoltà. Il primo fattore che fa la differenza fra un semplice hosting WordPress ed il miglior hosting WordPress, dunque, è il costo: più sarà basso, più sarà inferiore la qualità.

L’importanza del Data Center per la scelta dell’Hosting

Potresti aver trovato un hosting WordPress fantastico, che ti offre mille servizi lato server, con un sistema di cache ottimizzata per questo CMS e dunque in apparenza la scelta migliore per te. Ma potrebbe rivelarsi tutto inutile, se i server di questo servizio saranno dislocati a migliaia di chilometri da te (e dal target che teoricamente dovrebbe visitare il tuo sito).

Il motivo? La collocazione geografica dei data center rende più o meno veloce il caricamento delle pagine del tuo portale: sceglierlo in Italia, dunque, significherà poter contare su un IP italiano e di riflesso su una maggiore velocità di trasferimento dati e di caricamento del sito. In alternativa, e in assenza di data center in Italia, assicurati almeno che i suddetti siano dislocati in Europa e – possibilmente – in paesi vicini all’Italia, come la Germania e la Francia. Ad ogni modo, il miglior hosting WordPress deve sempre poter contare su almeno un data center in Italia.

Hosting WordPress: i servizi essenziali

Il discorso relativo all’assistenza, alla velocità di caricamento e ai data center vale per ogni servizio di hosting. Ma quali sono i fattori specifici che dovrai tenere in considerazione quando ti troverai nella posizione di dover scegliere il miglior hosting WordPress? Partiamo innanzitutto da quelli essenziali, ovvero dai fattori che ogni servizio di hosting ottimizzato per questo CMS dovrebbe possedere: come ad esempio l’installazione automatizzata di WordPress e l’eventuale trasferimento gratuito di un sito creato con questo CMS e hostato su un precedente servizio.

Inoltre, dovrebbe anche essere disponibile il WP-CLI e la possibilità di poter contare su una gestione WordPress autonoma del server, dunque su backup quotidiani dei tuoi file e sull’aggiornamento automatico di WordPress (fattori fondamentali per la tua sicurezza e per quella del tuo portale). Infine, dovresti poter contare anche su un’assistenza esperta in WordPress e sulla presenza di CloudFlare gratuito. Ultima ma non ultima, la presenza di unità di memoria SSD per velocizzare ulteriormente la trasmissione dei dati.

 i servizi professionali

I servizi che abbiamo visto poco sopra dovrebbero teoricamente appartenere a qualsiasi hosting ottimizzato per WordPress, in quanto sono la base dalla quale partire per poter contare su un server che possa rendere al meglio anche in situazioni di stress. Eppure, puoi anche trovare altri servizi per siti in WordPress, che aumentano il costo del pacchetto hosting ma che valorizzano ulteriormente il tuo sito creato con questo CMS.

Parliamo soprattutto della presenza di WordPress SuperCacher: un sistema di gestione della cache ottimizzato per questo specifico CMS, ed in grado di dare una velocità di caricamento extra davvero notevole. Infine, l’ultimo fattore che rende tale il miglior hosting WordPress, è la presenza di un certificato SSL già incluso nel pacchetto: questo elemento, pur non essendo strettamente legato al CMS, è indispensabile nel caso tu venda prodotti o servizi.

Meetic gratis per i single

meetic gratis

Incredibile ma vero un sito di incontri per single che vi da la possibilità di usarlo senza limiti per 3 giorni e senza pagare assolutamente un fico secco e senza manco inserire la carta di credito….chi vi da questa possibilità?

Ma chi se non Meetic.es enorme per non dire mondiale sito di incontri per single che ha più iscritti di tutti (Cosi dicono loro) e che vanta la formazione di migliaia di coppie felici (E non aggiungeremo noi) in tantissimi anni in cui è online.

La nostra opinione sinceramente è quella che il sito è da provare, può’ realmente funzionare se ci si passa abbastanza tempo e si è aperti ad eventuali delusioni che possono derivare di solito da:

  • Fotografie false nel profilo
  • Persone che poi dopo un poco si rivelano essere impegnate
  • Sparizioni improvvise del partner per diversi motivi ( di solito sempre perchè sono impegnati e non lo dicono).

Per il resto quindi se siete fortunati e trovate una persona normale e veramente single che vi piace potrebbe pure nascere una bella storia d’amore!
L’ offerta meetic gratis quindi è utilizzabile da tutti maschietti e femminucce e prevede l’uso del sito assolutamente gratis per 3 giorni quindi datevi da fare e cercate la vostra anima gemella online.

Due parole su questo grande portale di incontri per single Meetic.es:

E’ l’antisegnano dei siti per single nasce circa 10 anni fa e diventa da subito il punto di riferimento per chi cerca incontri online di tipo serio cioè finalizzati ad una relazione stabile.

Il suo successo è dovuto a diversi fattori tra cui una moderazione molto attiva che cancella velocemente gli account che disturbano o che fanno pubblicità occulta.

Il servizio di assistenza è molto ma molto veloce ed efficace e di solito risolve i vostri eventuali problemi in poche ore.

E anche l’offerta meetic gratis che da l’opportunita di provare l’efficacia del sito

Questo garantisce che sul portale voi possiate incontrare soltanto persone che veramente cercano come voi l’anima gemella e non sono li per altri motivi (Cosa che accade spesso in altri siti di incontri).

Prodotti ricrescita capelli? se fai sesso ti servono

prodotti ricrescita capelli

Visto che come sappiamo la virilità dipende anche dal testosterone e chi cerca sesso spesso sicuramente ne ha una percentuale elevata e quindi solitamente perde i capelli abbiamo pensato di farvi cosa gradita nel descrivervi quali possono essere i prodotti ricrescita capelli migliori per la vostra calvizie da assatanati.

Quando si parla di chioma, sono tantissimi gli aspetti che vengono toccati da questo elemento: innanzitutto quelli psicologici, dato che la caduta del capello può provocare nell’uomo un senso di inadeguatezza e depressione, ma anche quelli economici, visto che sono tantissime le aziende che spacciano il loro come il miglior prodotto ricrescita capelli.

Ad ogni modo, tu dovrai essere bravo a non cadere in queste trappole, e ad imparare a distinguere i prodotti contro la caduta dei capelli che valgono sul serio, da quelli che invece vengono spacciati come tali solo per farti aprire il portafoglio. Ed ecco perché oggi vedremo qual è il miglior prodotto ricrescita capelli, e quali sono le soluzioni per la calvizie androgenetica: un problema che colpisce tantissimi italiani, e che necessita dunque di un forte approfondimento.

Quali sono i prodotti per la ricrescita capelli migliori?

Il mercato attuale trabocca di prodotti che sostengono di essere la cura definitiva all’alopecia androgenetica, e che invece si rivelano semplicemente delle truffe e dei modi per spillarti denaro dalle tasche.

Eppure, nonostante questa invasione di pseudo-pozioni miracolose, esiste qualcosa che può davvero aiutarti per combattere la calvizie: parliamo del Minoxidil, ovvero del miglior prodotto ricrescita capelli. Si tratta infatti di un farmaco che può realmente arrestare la caduta e favorire la ricrescita naturale dei fusti, e che potrai trovare in percentuali minime all’interno di diversi prodotti per curare l’alopecia androgenetica. Eppure non sempre il Minoxidil funziona, dato che non sempre è possibile intervenire con efficacia nella ricrescita dei capelli.

Prodotti ricrescita capelli: perché non funzionano?

 

Hai acquistato il miglior prodotto ricrescita capelli, ma dopo diversi mesi non noti ancora nessun miglioramento? Il motivo è dovuto al fatto che i follicoli piliferi sono come dei veri e propri organismi: puoi stimolarli per favorire la ricrescita del fusto solo quando sono ancora vivi, o quando sono dormienti, dunque vivi ma inattivi.

Nel caso invece abbiano terminato definitivamente la loro attività, non riuscirai mai a risvegliarli e a riportarli all’azione. In questo caso, infatti, si dice che il follicolo pilifero è atrofizzato: e quando un follicolo finisce in questa condizione, non esiste al mondo rimedio che possa funzionare. Non ancora, almeno.

Quali sono i trattamenti per la ricrescita capelli?

Premesso che il miglior prodotto ricrescita capelli rimane il Minoxidil e i rimedi a base di questo farmaco (che comunque portano in dote degli effetti collaterali), va poi aggiunto che esistono altri trattamenti alternativi che possono agire sull’alopecia androgenetica e sulla calvizie, facendola nettamente retrocedere.

Ad esempio, gli integratori anticaduta capelli sono una soluzione ottimale per intervenire dall’interno dell’organismo e per nutrire alla base i fusti dei capelli, direttamente attraverso i follicoli del cuoio capelluto: in questo caso, infatti, si tratta di prodotti naturali che aggiungono vitamine ed altri elementi fondamentali per la salute della chioma, che altrimenti risulterebbero molto difficili da assumere tramite una normale alimentazione, soprattutto per una questione di quantità.

Questo comunque non toglie che il regime alimentare sia fondamentale per tenere in salute i capelli, e che dunque dovresti sempre evitare di mangiare fritture, cibi grassi e dedicarti ad un’alimentazione sana che includa anche frutta e verdure.

Shampoo anticaduta: funziona?

Infine, vale la pena dedicare un po’ di spazio allo shampoo anticaduta: magari non sarà il miglior prodotto ricrescita capelli, ma può comunque dare una grossa mano d’aiuto per quanto concerne l’alopecia androgenetica. Il motivo?

Il suo scopo è soprattutto quello di igienizzare il cuoio capelluto aiutandolo a combattere patologie infiammatorie o batteriche come la forfora, la micosi e la dermatite seborroica: ovvero alcune delle peggiori cause che portano alla caduta del capello. Inoltre, i nutrienti contenuti da questi detergenti nutrono la chioma rinforzandola, e dunque minimizzano i rischi di caduta.

 

 

Quando cerchi sesso online e non lo trovi

cercosessoonline

Spesso noi uomini cerchiamo sesso online senza usare la testa ma usando soltanto quello che abbiamo in mezzo alle gambe e che puntualmente non ci porta ad alcunché.

Cercare sesso è un arte e farlo online è si più facile ma soltanto per un fattore numerico di disponibilità di donne ma non cambia nulla rispetto all’approccio anzi cambia ma in peggio in quanto mancando alcuni fattori che elenchiamo qui:
– Il contatto visivo
– la fiducia (che è ispirata da diversi motivi che vediamo dopo)
– la conoscenza dell’altro anagraficamente (come si chiama di cognome per esempio)
– la verità ( tutto puo’ essere vero e il contrario quando scriviamo in una chat senza alcun controllo)

il contatto visivo
per quanto riguarda questo punto è ovvio che una donna che non ha mai visto l’interlocutore se non in foto (E manco sempre) è portata ad avere poca fiducia e a comportarti in modo molto circospetto

La fiducia
come detto appena sopra manca la fiducia che si instaura conoscendo l’altro almeno fisicamente se non anche per la voce

La conoscenza anagrafica
certamente se una persona ne conosce un altra in una comitiva saprà subito chi è come si chiama perchè ci saranno collegamenti sociali tra i due che faranno sentire la donna molto più tranquilla.

Mancando questi elementi quando si cerca sesso online bisogna essere bravi a colmarmi in qualche modo… vi chiederete e come si va?

Semplicemente comportandovi con educazione prima cosa come se avete di persona la donna davanti e poi se vi fa domande molto personali raccontatevi per quanto potete dando anche dettagli o magari facebook che è diventato in effetti quasi come una carta di identità elettronica per cui una volta visto il profilo online ci si tranquillizza e magari si sopre pure di avere amici in comune e li nasce la fiducia per cui tutto sarà più facile.

Ricapitolando cercare sesso è lecito lo fanno anche el donne ma non per questo il comportamento dell’uomo deve essere animalesco ma deve comunque rispettare il partner di chat.
Alcuni siti per cercare sesso ve li elenchiamo qui che potrebbero sempre tornarvi utili :

  1. cerco sesso italia.com
  2. Incontri Locali
  3. Erotik Link